Make your own free website on Tripod.com


A Prestinenza la targa Galileo di astronomia


CINISI - La targa "Galileo" della Società Astronomica Palermitana (più di quarant'anni d'attività) è stata assegnata, alla terza edizione, al giornalista e astrofilo Luigi Prestinenza, noto divulgatore di cose celesti. Gli è stata consegnata dal commissario al Comune, dott. Salvatore Tortorici, nel corso di un animato pomeriggio dedicato all'astronomia e in particolare al Sole, alla scuola media "Meli" che si distingue per il suo osservatorio intestato al grande Galilei, con un buon rifrattore di 15 centimetri d'apertura, per l'uso delle scuole e della cittadinanza. L'iniziativa di questa meritoria realizzazione è stata dalla Sap, guidata dall'attivissimo prof. Amleto Pezzati, grazie al concorso della municipalità, allora guidata dal sindaco Mangiapane.
Il successo riscosso ha scaldato l'ambiente e adesso è imminente l'installazione di un radiotelescopio con un paraboloide di tre metri per osservazioni celesti nelle onde radio, nel mentre si accarezza il progetto di un Planetario di grandi dimensioni, con cupola di venti metri, che superebbe in dimensioni addirittura il Planetario Hoepli di Milano, il maggiore in Italia: di straordinario ausilio alla didattica, costituirebbe anche una grossa attrattiva per la zona, a livello turistico.
Orchestrata dal prof. Mangano, e con l'attivo contributo della preside Bugliano, la serata ha visto rivolgersi a un folto pubblico di studenti il prof. Francesco Costanzo, che ha illustrato con efficacia e passione la missione della sonda "Soho" verso i poli del Sole e in un secondo intervento è risalito alle fonti dell'energia solare, così largamente riversata nello spazio. Quella stessa che Legambiente, rappresentata da Graziella Vitale, vorrebbe più largamente sfruttata, con altre energie alternative come quella eolica, che vedrà in tempi brevi l'installazione nella zona di un impianto apposito sul ventoso monte Pecoraro.
Altre targhe sono state consegnate nel corso della serata, e a Pezzati una magnifica coppa della scuola, che conta su una vicina gemella al Liceo di Terrasini, dove opera un osservatorio solare con un eliografo, diretto dal prof. Marcello Firmamento. E Carini non mancherà anch'essa all'appuntamento, con uno strumento destinato essenzialmente agli oggetti del "Cielo profondo".

D