Make your own free website on Tripod.com

D  

  

Fondato nel 1977 dal giornalista Luigi Prestinenza, tuttora Presidente, svolge da allora una fervida attività di divulgazione scientifica e di osservazione amatoriale.

Attualmente conta circa 150 soci. L’attività che coinvolge un po’ tutti è l’organizzazione di iniziative che avvicinino la comunità ai temi scientifici più attuali, con particolare attenzione al mondo della scuola. Le campagne osservative sono svolte sia con strumenti del Gruppo che dei singoli soci. La sede del Gruppo si trova a Catania nei pressi del centro storico, in Via L. Capuana n.125 (tel.095-535387) ed è aperta ogni giovedì pomeriggio non festivo. E’ a disposizione dei soci una biblioteca, una videoteca ed un archivio fotografico, nonché, per i più esperti, alcuni telescopi e accessori vari fotovisuali.
 
 

I corsi di Astronomia
 
 

Ogni anno il G.A.C. organizza:

Nel 1997 ha avuto notevole successo un terzo corso dedicato agli studenti maturandi che ha trattato sia temi astronomici che di Scienze della Terra. Quale Delegazione Territoriale dell’U. A. I. è stato da poco inaugurato il Corso di Aggiornamento per gli insegnanti "Astronomia Viva!", legalmente riconosciuto dal Ministero della Pubblica Istruzione.
 
 

Attività pratiche

Svolte nell’ambito dei programmi dell’U.A.I. (Unione Astrofili Italiani), consistono nel monitoraggio dei pianeti Venere, Marte e Giove, nelle osservazioni di alcune stelle variabili e in attività di fotografia astronomica.

Periodicamente si organizzano spedizioni osservative, con particolare predilezione per gli oggetti del profondo cielo dai siti bui delle pendici etnee. Nel versante sud del vulcano possiamo contare su uno chalet messoci gentilmente a disposizione dal Prof. Giuseppe Asero.

Gli interessati alle iniziative pratiche sono pregati di frequentare la sede con una certa assiduità.

 

ORGANIGRAMMA GAC TRIENNIO 2000/2002

CONSIGLIO DIRETTIVO

Presidente: dott. Luigi Prestinenza
Vicepresidente e segretario: prof. Giuseppe Sperlinga
Consiglieri: sig. Davide Ferrara
rag. Emilio Lo Savio
dott. Claudia Russo
p.i. Concetto Sciuto
dott. Salvo Spampinato

Il Consiglio Direttivo si riunisce alle ore 19 di ogni primo giovedì del mese.

COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI

Presidente: dott. Attilio Consolante
Componenti: prof. Agostino Baronello
Geom. Michele Trobia

COMMISSIONE STRUMENTI

GiuDott. Giuseppe Marino (coordinatore)
Saverio Cammarata
Valerio Capsoni
Rag. Emilio Lo Savio
Fabio Salvaggio

 

Editoriale
di Luigi Prestinenza

Questo nostro Gruppo Astrofili conta ventun anni ed è vitale come se lo sospingesse ancora l’entusiasmo di quei lontani inizi. Più vitale ancora, direi, grazie anche a nuovi apporti di gente preparata e motivata, giovani e meno giovani disposti a molti sacrifici per la loro passione: levatacce, notti insonni, viaggi di lungo corso in orari “difficili”. Non parlo di tutti, è ovvio: ma ho ancora negli occhi e nel più grato ricordo la mobilitazione e gli sforzi dell’ultima estate, dal lungomare al Rifugio Citelli e al Parco Gioeni, la sera delle stelle cadenti. Se c’era per queste cose un grazie da dire, bene, lo dico adesso.
Certo, non siamo ancora al top, come organizzazione, come attrezzatura. La carenza più grossa è quella di mancare di un posto stabile d’osservazione, che vanamente abbiamo inseguito con diversi interlocutori negli anni passati. Non ci arrendiamo, beninteso: anzi siamo convinti di avviarci alla meta e di raggiungerla, prima o poi, pure in una realtà cittadina che premia e privilegia l’effimero delle mostre, dei convegni, degli spettacoli. Chi ha mai detto, santo Cielo, che gli Enti pubblici debbano spendere ogni anno grosse somme per organizzare cantate in piazza e divertire la gente, sul vetusto clichè del “panem et circensem”? Chi se non noi e pochissimi altri ci siamo battuti per giungere alla realtà stabile di un Museo, di un Planetario, di un osservatorio civico, strumenti educativi e didattici che non tramontano? Siamo appagati, comunque, nel costatare che l’astrofilia, nel nostro Paese, ha fatto le ossa, che è una realtà ormai largamente diffusa in tutte le regioni, compresa la nostra Sicilia. Che è in grado di organizzare manifestazioni nazionali, di chiamare a sua volta il pubblico in piazza, ma per istruirlo, interessarlo, aprirlo ad idee che nessuno gli aveva porto. Mi è capitato più volte di ricordare che, quasi cinquant’anni fa, quando chi scrive si permetteva i primi telescopi ed i primi contatti con le pubblicazioni su cose celesti, gli abbonati al vecchio benemerito “Coelum” di Horn d’Arturo a Catania eravamo non più di due. S’era nel primissimo dopoguerra, i soldi erano pochi, le possibilità di attrezzarsi molto limitate, soprattutto per chi stava al Sud. Oggi è molto diverso, per chi sa utilizzare le possibilità che ci sono e mettersi in grado di condurre ricerche a livello pressoché professionale e di approdare a risultati tanto importanti quanto gratificanti. Certo ci vuol sempre tenacia, disponibilità, spirito d’adattamento, capacità d’informarsi e di scegliere: ma dov’è che questo non occorre per affermarsi, per fare qualcosa d’utile? E, a livello di comunità, di Gruppi, occorre spirito di collaborazione, franca amicizia, capacità di stare ciascuno al suo posto, voglia di aiutarsi a vicenda: ma dov’è che questo non serve per far valere una collettività e avvicinarla ai propri scopi? L’unione fa la forza: vecchio detto, ma sempre attuale. Cerchiamo di averlo presente,di ricordarlo in ogni impegno, di restare una band of brothers, per camminare sulle tracce della più bella e spettacolare delle scienze, e camminare con profitto, per realizzare noi stessi, per fare migliori noi stessi e, se possibile, chi ci viene vicino.

Luigi Prestinenza